Il ladro cortese

Come fa un ladro ad essere “cortese”? Che cosa si potrebbe mai intendere? Educato, gentile, premuroso? Ma un ladro per definizione non lo è mai. Il solo fatto di voler rubare, di appropriarsi di qualcosa che non gli appartiene, sottraendolo ad altri, lo qualifica tutto il contrario....
Autore: Alfonso Mauriello - Genere: Narrativa
prezzo Prezzo
6,99
prezzo Formati disponibili

Data di pubblicazione: 31/07/2012
Numero pagine: 244

Leggi l'anteprima Online
Media voto:

    Come fa un ladro ad essere “cortese”? Che cosa si potrebbe mai intendere?  Educato, gentile, premuroso? Sono tanti i sinonimi che continuano nella direzione indicata: una persona garbata, affabile, innocua. Ma un ladro per definizione non lo è mai. Il solo fatto di voler rubare, di appropriarsi di qualcosa che non gli appartiene, sottraendolo ad altri, lo qualifica tutto il contrario.

 “Rubava solo quello che la vittima era disposta a concedere.” Ma che razza di ladro potrebbe essere mai questo che si preoccupa di rispettare i desideri della vittima? E poi la vittima, per quale imperscrutabile motivo dovrebbe sottostare ad una simile azione, cioè concedere ad altri, altri che non hanno alcun diritto, qualcosa che è suo?  

   Vi piacerebbe saperlo? Bene, non e’ un problema, e’ sufficiente leggere il libro per incontrare Savio, questo ladro molto particolare, Andrea, il suo complice e mentore, Alfredo, un uomo pericoloso perché avido, Irina, misteriosa ma non troppo. Poi Valeria, una personalità affascinante, Alice, Giulia e tanti altri personaggi che ruotano intorno al ladro cortese. Un sottobosco di personalità, caratteri, che ben rappresentano tutti i vizi e peccati, ma anche qualche virtù della moderna e progredita civiltà occidentale.

   Sarà per voi sufficiente addentrarvi nella trama, farvi prendere dalle azioni di questi personaggi equivoci, stupidi, egoisti, approfittatori, ingenui, per capire quali sono le molle che condizionano i comportamenti delle persone. Saranno pochi i buoni, le persone da salvare, ma così va il mondo. Dopo, finito tutto ciò, cosa rimane? Una possibile risposta potrebbe essere: forse tentare di riscattare almeno se stessi. A voi il compito di trovarne altre.

 

Condividi Condividi

Recensioni totali: (0)

Il tuo voto
Scrivi la tua recensione

Per inserire un voto o una recensione, effettuare il login.