#virtualerealtà

Milano, giorni nostri. Anna, quarant’anni, una separazione alle spalle, due figli da rincorrere e la passione per il vino, divenuta il suo lavoro...
Autore: Alessia Castelletti - Genere: Romanzo
prezzo Prezzo
4,99
prezzo Formati disponibili

Data di pubblicazione: 28/02/2017
Numero pagine: 542
Codice EAN/ISBN EPUB: 978-88-98383-32-0

Leggi l'anteprima Online
Media voto:

Milano, giorni nostri. Anna, quarant’anni, una separazione alle spalle, due figli da rincorrere e la passione per il vino, divenuta il suo lavoro. Venuti meno i doveri e le gioie della convivenza, Anna scopre i social network: Facebook diventerà una presenza ingombrante nelle sue giornate, e con esso anche Paolo Saronno, un collega che comincia a tempestarla di messaggi. Il carteggio assume presto i toni di un corteggiamento unidirezionale, infarcito di tante menzogne. Sempre parco di informazioni su di sé ma ricco di giustificazioni fasulle, Paolo sostiene di essersi innamorato di Anna e di volerla persino sposare. Lei si lascia mettere all’angolo, in una sorta di morbosa dipendenza psicologica da un uomo che nemmeno l’attrae e che frequenta soprattutto in maniera virtuale.

Ma stanata ogni menzogna, Anna è sopraffatta dal dolore.

Poi, conosce Giampaolo; complice la sua gentilezza e un animo limpido e paziente, lui riesce lentamente a farsi strada nel cuore cauto di Anna.

Tuttavia, un nuovo brusco epilogo non si fa attendere: Anna finirà per contaminare di nervosismo la sua relazione con Giampaolo, che a sua volta fallirà nell’accettare il bisogno di tempo di lei. Però lei ha capito che non le interessa avere una relazione sentimentale, ma che ha solo bisogno di sentirsi accolta, un bisogno difficilmente condivisibile con chi non lo comprenda appieno.

E così un nuovo inizio: un rinnovato equilibrio, e la vita (lontana da Facebook) ancora tutta davanti.

 

Un romanzo intimista, paziente, che senza sconfinare nell’auscultazione pedante né scivolare nel suo opposto – vale a dire la psicologia spicciola – ci conduce nelle stanze private di Anna, dei suoi quarant’anni, di un matrimonio nato e finito sbagliato e forse neanche troppo rimpianto; delle sue giornate di casa e lavoro e Milano, di figli e scadenze e Spritz del giovedì, e poi di un vuoto sentimentale protetto con le unghie e con i denti, ma insieme tanto vulnerabile da lasciarsi scuotere da chi proprio non dovrebbe.

Il romanzo tratta un tema profondamente attuale, la dipendenza dai social network come surrogato e rimedio alla nostra inettitudine nelle relazioni reali, che sono ben più complicate da gestire di una qualunque serata trascorsa in chat.

Questa è una storia che nel suo essere comune ha la sua forza.

Lo stile è pulito, le parole semplici, non si cerca l’esercizio virtuoso né una narrazione barocca e cesellata, ma s’incoraggia il lettore ad affacciarsi nella storia fino a scivolarci dentro.

 

 

Condividi Condividi

Recensioni totali: (0)

Il tuo voto
Scrivi la tua recensione

Per inserire un voto o una recensione, effettuare il login.